martedì 5 dicembre 2017
LIFESTYLE

Come si beve il caffè in Brasile

Il Brasile è sicuramente tra i Paesi leader nella coltivazione del caffè: vanta una produzione di più di cinquanta milioni di sacchi all’anno e la qualità del suo caffè è tra le più rinomate al mondo.

Tuttavia il caffè è arrivato in Brasile in tempi relativamente recenti. Infatti vi fu importato nel Settecento dalla Guiana francese: secondo la tradizione, un diplomatico portoghese sedusse la moglie del governatore della Guiana, che gli donò un mazzo di fiori con al suo interno anche alcuni chicchi di caffè. Si dice che fu proprio grazie a quel mazzo di fiori che il caffè arrivò in terra brasiliana.

Con il termpo dalla regione settentrionale di Parà il caffè si è diffuso in tutto il Brasile ed è diventato molto popolare, tanto che oggi molti ristoranti lo offrono gratuitamente in thermos messi a disposizione dei propri clienti a fine pasto.

Come si beve il caffè in Brasile

Come si beve il caffè in Brasile

Il caffè brasiliano… con un tocco alcolico

 

Anche nei bar italiani è possibile ordinare il cosiddetto caffè brasiliano. Con questo nome si indica una bevanda a base di caffè caratterizzata dal gusto intenso, grazie anche alla punta alcolica del Baileys, e dal particolare effetto stratificato.

Si tratta di un tipo di caffè molto semplice da preparare ma di sicura riuscita, a metà strada tra un caffè di fine pasto e un cocktail. Se vuoi cimentarti nella preparazione del caffè brasiliano ti serviranno pochi e semplici ingredienti: Baileys (un noto liquore a base di whiskey, ormai reperibile in tutti i supermercati), latte, caffè, cacao amaro in polvere e zucchero.

La prima cosa da fare è montare il latte creando una schiuma molto densa. Per questa operazione puoi usare l’apposito vaporizzatore della macchina da caffè oppure il semplice stantuffo che si utilizza anche per fare il cappuccino a casa. Se scegli il vaporizzatore dovrai immergere quasi completamente il tubicino nel latte freddo, accendere il vapore e muovere velocemente il pentolino per creare una schiuma molto densa. Per la buona riuscita della ricetta è importante che la spuma di latte non si scaldi troppo, perciò questa operazione deve essere abbastanza rapida.

A questo punto puoi iniziare a comporre i vari “strati” del tuo caffè brasiliano. L’ideale è utilizzare un bicchiere di vetro, in modo che l’effetto scenico della bevanda sia esaltato al massimo.

Versa nel bicchiere un cucchiaino di zucchero, poi un dito di Baileys e infine la spuma di latte. A questo punto prepara il caffè e versalo lentamente sopra la spuma, in modo che scivoli sul fondo fino a mescolarsi con il Baileys senza rovinare la schiuma. Infine completa l’opera con una spolverata di cacao amaro e servi la bevanda mentre è ancora ben calda.

Il caffè brasiliano stupirà sicuramente i tuoi ospiti! Ricorda che puoi anche preparare una variante analcolica, semplicemente eliminando il Baileys dalla preparazione. In questo modo potrai accontentare tutti i tuoi ospiti, compresi quelli che non amano le bevande alcoliche.

 

Il bicchiere perfetto per il caffè brasiliano

 

Per via della presenza della crema di whiskey, il caffè brasiliano può essere considerato sia come fine pasto sia come drink. In base all’uso che ne farai dovrai quindi scegliere il bicchiere più adatto.

A fine pasto sarà perfetto un classico bicchierino da caffè in vetro, che permetterà di vedere gli strati della bevanda. Se invece vuoi servire il caffè brasiliano ai tuoi ospiti durante una serata, puoi abbondare leggermente con la crema di whiskey e utilizzare un bicchiere in vetro un po’ più grande, magari un elegante bicchiere da martini o uno dal gusto retrò, con la classica forma a campana rovesciata. A te la scelta!

 

Il caffè a filtro, per un vero sapore brasiliano

 

Se vuoi davvero gustare l’autentico sapore del caffè carioca, l’ideale è scegliere ovviamente una miscela locale e prepararla con la tecnica del filtro. Puoi usare questo procedimento per la ricetta del caffè alcolico brasiliano o per un caffè semplice; in entrambi i casi l’aroma della polvere verrà esaltato al massimo ed estratto con delicatezza, secondo l’usanza tipica del Brasile.

Per ogni tazzina ti serviranno un bollitore per l’acqua, un filtro da caffè monouso dotato di supporto e 4 o 5 cucchiai di polvere di caffè, naturalmente brasiliano!

Fai bollire mezzo litro d’acqua; mentre aspetti, inserisci il filtro nel suo supporto e adagia il tutto su un bicchere in cui raccogliere l’acqua in eccesso. Quando l’acqua è pronta versane un po’ sul filtro per inumidirlo. A questo punto puoi mettere il filtro direttamente sulla tazzina, aggiungere nel filtro la polvere di caffè e versare l’acqua bollente.

Se ami il caffè zuccherato, ricorda di non mettere lo zucchero nel filtro ma di aggiungerlo in seguito nella tazzina: lo zucchero impedirebbe il passaggio dell’acqua attraverso il filtrino, rovinando il tuo caffè.

Se apprezzi i sapori speziati prova a mescolare alla polvere di caffè un po’ di cacao e cannella; se sei particolarmente audace puoi anche osare con una piccolissima quantità di chiodi di garofano.

Non ti resta che gustare il tuo caffè!